Ciò che distingue la Chiesa Evangelica è la sua affermazione che la Scrittura, composta dai 66 libri ispirati dallo Spirito Santo, è la sola autorità suprema per il credente. La confessione sottoscritta è soltanto un riassunto di ciò che la Bibbia insegna. Il fatto che è dottrina biblica lo dimostra il fatto che ogni affermazione è fondata su vari riferimenti biblici. La Chiesa Evangelica Veritas si attiene alle dottrine bibliche sottoscritte.

Confessione del New Hampshire, 1833

Nel Settembre del 2011 Dio si compiace di usare gli sforzi di Keith e Deborah Jones per inaugurare la Chiesa Evangelica Veritas. Dopo quattro anni di seminare la parola di Dio, il Signore salva e raggruppa insieme delle persone decise a cominciare a riunirsi regolarmente le domeniche,dando così inizio all’esistenza formale della Chiesa. La Chiesa Veritas è la realizzazione del desiderio della International Church of Milan (di lingua inglese), che dal 2002 si riunisce a Milano 3/Basiglio, di veder nascere una Chiesa di lingua italiananella zona sud di Milano che abbia le caratteristiche di una chiesa biblica ed evangelistica. La Famiglia Jones viene mandata dalla Chiesa MAPLELAWN BAPTIST CHURCH in Grand Rapids Michigan (USA) e da una rete di chiese evangeliche con il compito di avviare una chiesa e poi successive chiese evangeliche nel sud di Milano e oltre

LA VISIONE La Chiesa Evangelica Veritas esiste per introdurre delle persone a Cristo, incorporarle nella vita di una chiesa locale biblica, affinché possano investire la loro vita nel Grande Mandato e a mettere in pratica il Grande Comandamento. Il Grande Mandato: Matteo 28:18-20 E Gesù, avvicinatosi, parlò loro, dicendo: «Ogni potere mi è stato dato in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate miei discepoli tutti i popoli battezzandoli nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutte quante le cose che vi ho comandate. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, sino alla fine dell’età presente». Il Grande Comandamento:Matteo 22:36-40«Maestro, qual è, nella legge, il gran comandamento?» Gesù gli disse: “Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente”. Questo è il grande e il primo comandamento. Il secondo, simile a questo, è: “Ama il tuo prossimo come te stesso”. Da questi due comandamenti dipendono tutta la legge e i profeti».Riguardo alle Sacre Scritture Noi crediamo che la Bibbia sia stata scritta da persone ispirate da Dio, ed è un tesoro perfetto di istruzione celeste; 1 che ha Dio quale suo autore, con la nostra salvezza quale suo fine; 2 ed è la verità senza possibilità di confusione riguardo a questa materia; 3 che rivela i princìpi per cui Dio ci giudicherà; 4 e quindi è e deve restare fino alla fine del mondo, il vero centro dell’unione cristiana; 5 e la norma suprema in base alla quale tutti i comportamenti umani, credo e opinioni dovrebbero essere provati.

Cosa Crediamo? Ciò che distingue la Chiesa Evangelica è la sua affermazione che la Scrittura, composta dai 66 libri ispirati dallo Spirito Santo, è la sola autorità suprema per il credente. La confessione che segue, è soltanto un riassunto di ciò che la Bibbia insegna. Che si tratta di dottrina biblica, viene dimostrato dal fatto che ogni affermazione è fondata su vari riferimenti biblici. La Chiesa Evangelica Veritas si attiene alle dottrine bibliche sotto descritte.

I.Riguardo alle Sacre Scritture Noi crediamo che la Bibbia sia stata scritta da persone ispirate da Dio, ed è un tesoro perfetto d’istruzione celeste che ha Dio quale suo autore, con la nostra salvezza quale suo fine ed è la verità senza possibilità di confusione riguardo a questa materia che rivela i princìpi per cui Dio ci giudicherà e quindi è e deve restare fino alla fine del mondo, il vero centro dell’unione cristiana e la norma suprema in base alla quale tutti i comportamenti umani, credo e opinioni dovrebbero essere provati.

II. Riguardo al vero Dio Noi crediamo che c’è uno, e un solo Dio, che è vivente ed è vero, reale, uno Spirito infinito e intelligente, il Creatore e il supremo Re del cielo e della terra glorioso nella sua santità in un modo che non si può esprimere e degno di tutte le possibili forme di onore, fiducia e amore che nell’unità di questa deità ci sono tre persone, Padre, Figlio e Spirito Santo uguali in ogni perfezione divina ognuna con compiti distinti ma armoniosi nell’esecuzione del grande lavoro di redenzione del genere umano.

III. Riguardo alla caduta dell’uomo Noi crediamo che l’uomo è stato creato nella santità, sotto la legge del suo creatore ma per una sua trasgressione volontaria è caduto da tale stato di santità e felicitàe in seguito a questa trasgressione ora tutti gli uomini sono peccatori non per vincolo, ma per scelta essendo per natura assolutamente privi di quella santità richiesta dalla legge di Dio, la natura umana è positivamente inclinata al male; e quindi è sottoposta ad una giusta condanna e alla rovina eterna senza difese né giustificazioni

IV Riguardo alla salvezza Noi crediamo che la salvezza dei peccatori sia interamente per grazia attraverso la mediazione del Figlio di Dio che per volontá del Padre, prese liberamente su di lui la nostra natura, tuttavia senza peccato onorando la legge divina con la sua personale obbedienza e con la sua morte fece una completa propiziazione per i nostri peccati e che essendo risorto dai morti, egli è ora sul trono nel cielo e unendo nella sua persona meravigliosa le qualità terrene con le perfezioni divine, egli è qualificato in ogni senso per essere un adeguato, un compassionevole e un sufficiente Salvatore

V. Riguardo alla giustificazione Noi crediamo che la grande benedizione del vangelo la cui Gesù Cristo garantisce a coloro che credono in Lui é la giustificazione e che questa giustificazione include il perdono del peccato e la promessa di una vita eterna in base a princìpi di giustizia e che questo perdono è concesso, non in considerazione delle eventuali opere di giustizia che abbiamo fatto, ma solo attraverso la fede nel sangue del Redentore che in virtù di questa fede la sua perfetta giustizia ci viene liberamente imputata da Dio che ci porta in uno stato di pace benedetta e di favore con Dio e ci assicura ogni altra benedizione di cui avremo bisogno nel tempo e per l’eternità

VI. Riguardo alla gratuità della Salvezza Noi crediamo che le benedizione del Vangelo della salvezza siano rese gratuite per tutti dal vangelo e che è dovere immediato di tutti accettarle in modo cordiale, penitente e con fede obbediente e che nulla impedisce la salvezza del peccatore più grande sulla terra, tranne la sua intrinseca depravazione e un rifiuto volontario del vangelo e questo rifiuto lo coinvolge in una condanna ancor più grave

VII. Riguardo alla grazia nella rigenerazione Noi crediamo che, al fine di essere salvati, i peccatori debbano essere rigenerati, o rinati che la rigenerazione consiste nel dare una disposizione santa alla mente che questa rigenerazione avviene in un modo che è al di sopra della nostra comprensione per il potere dello Spirito Santo e in connessione con la verità divina in modo da garantire la nostra volontaria obbedienza al vangelo e la prova di tutto questo viene visualizzata nei frutti santi del pentimento, della fede e della nuova vita

VIII. Riguardo al pentimento e alla fede Noi crediamo che il pentimento e la fede siano obblighi sacri, e anche grazie inseparabili, generate nelle nostre anime dallo Spirito rigenerante di Dio in base al quale essendo noi profondamente convinti del nostro senso di colpa, pericolo e impotenza e della via di salvezza che ci è data da Cristo ci rivolgiamo a Dio con pentimento sincero, confessione supplica per misericordia allo stesso tempo accettando completamente il Signore Gesù Cristo come il nostro Profeta, Sacerdote, e Re, e confidando solo in Lui come il nostro solo e sufficiente Salvatore

IX. Riguardo allo scopo della grazia di Dio Noi crediamo che l’elezione è lo scopo eterno di Dio, secondo il quale egli, per la sua sola grazia, rigenera, santifica e salva i peccatori che è perfettamente coerente con le scelte libere dell’uomo, e comprende tutti i mezzi connessi con questo fine che è la dimostrazione più gloriosa della sovrana bontà di Dio, essendo Lui infinitamente libero, saggio, santo e immutabile che essa esclude assolutamente ogni forma di vanto e promuove l’umiltà, l’amore, la preghiera, la lode, la fiducia in Dio e l’imitazione attiva della sua misericordia gratuita che incoraggia l’uso di mezzi in massimo grado che si possono verificare dai suoi effetti in tutti coloro che credono veramente nel vangelo ,che è il fondamento della sicurezza cristiana e che l’accertarlo dentro di noi stessi richiede e merita la massima diligenza.

X. Riguardo alla santificazione Noi crediamo che la santificazione è il processo mediante il quale, secondo la volontà di Dio, siamo resi partecipi della sua santità che è un lavoro progressivo che ha inizio nella rigenerazione e che ha la sua continuazione nei cuori dei credenti grazie alla presenza e alla potenza dello Spirito Santo, il Sigillatore e il Consolatore, nell’uso continuo dei mezzi nominati, soprattutto la Parola di Dio, l’auto-esaminazione, il rinnegare sé stessi, il vegliare e la preghiera.

XI. Riguardo alla perseveranza dei santi Noi crediamo che solo coloro che persevereranno fino alla fine sono dei veri credenti che il loro attaccamento perseverante in Cristo è il grande marchio che li distingue da chi professa la propria fede in modo superficiale che una speciale provvidenza veglia sul loro benessere e che sono sostenuti dalla potenza di Dio attraverso la fede fino alla loro salvezza.

XII. Riguardo all’armonia della legge e del vangelo Noi crediamo che la legge di Dio è l’eterna e immutabile regola del suo governo morale che è santa, giusta e buona; e che l’incapacità che le Scritture attribuiscono agli uomini caduti nel soddisfare i suoi precetti sorge interamente dal loro amore per il peccato per liberarli da ciò e per ripristinarli tramite un mediatore di sincera obbedienza alla legge delle Sacre Scritture, è uno scopo grande del vangelo e dei mezzi di grazia, collegati con l’istituzione della chiesa visibile.

XIII. Riguardo alla chiesa secondo il vangelo Noi crediamo che una chiesa visibile di Cristo è una congregazione di credenti battezzati associati mediante il patto della fede e della comunione del vangelo osservando ciò le ordinazioni di Cristo governati dalle sue leggi ed esercitando i doni, i diritti e i privilegi investiti in loro dalla Sua Parola che i suoi unici funzionari secondo la Bibbia sono i vescovi, o i pastori e i diaconi, le cui qualificazioni, crediti e compiti sono definiti nelle lettere a Timoteo e Tito.

XIV. Riguardo al battesimo e alla cena del Signore Noi crediamo che il battesimo cristiano è l’immersione in acqua di un credente nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo per mostrare davanti a tutti, in un bello e solenne emblema, la nostra fede nel Salvatore crocifisso, sepolto e risorto, con i suoi effetti sulla nostra morte al peccato e resurrezione a una nuova vita che è condizione necessaria per i privilegi di un rapporto con la Chiesa; e per la cena del Signore in cui i membri della Chiesa, mediante l’uso sacro del pane e del vino, sono lì per ricordare insieme l’amore di Cristo morente sempre preceduta dalla solenne auto esaminazione.

XV. Riguardo al governo civile Noi crediamo che il governo civile è di nomina divina, per gli interessi e il buon ordine della società umana e che si dovrà pregare per i magistrati che dovranno essere da noi coscienziosamente onorati e obbediti ad eccezione solo delle cose contrarie alla volontà del nostro Signore Gesù Cristo che è l’unico Signore della coscienza e il Principe dei re della terra.

XVI. Riguardo al giusto e al malvagio Crediamo che ci sia una differenza radicale ed essenziale tra i giusti e i malvagi che i giusti lo sono veramente nella Sua stima, solo attraverso la fede nel nome del Signore Gesù che li ha giustificati, e santificati dallo Spirito del nostro Dio83; mentre gli altri poiché continuano ad essere impenitenti e increduli sono alla sua vista malvagi e sotto la maledizione e questo vale come distinzione fra gli uomini sia in vita che dopo la morte.

XVII. Riguardo al mondo che verrà Noi crediamo che la fine del mondo si stia avvicinando86e che nell’ultimo giorno Cristo scenderà dal cielo e risusciterà i morti dalla tomba per il giudizio finale che una separazione solenne avrà quindi luogo che i malvagi saranno giudicati con una punizione infinita, mentre i giusti proveranno una gioia infinita e che questa sentenza fisserà per sempre lo stato finale degli uomini in paradiso o all’inferno, in base ai princìpi di giustizia.